Quinoa – Caratteristiche, proprietà e benefici

Le proprietà ed i benefici della quinoa dovevano essere note già nell’antichità. Infatti è una pianta le cui origini risalgono a migliaia di anni fa, e pur essendo ancora abbastanza sconosciuta alle nostre latitudini, viene coltivata sulle Ande da più di 5000 anni, e gli Inca la veneravano come pianta sacra. I maggiori paesi produttori mondiali sono Perù, Ecuador e Bolivia. La famiglia botanica è quella delle Chenopodiaceae, come gli spinaci o la barbabietola, ma i suoi semi, opportunamente essiccati e macinati, forniscono una farina prevalentemente composta da amido, caratteristica che la colloca merceologicamente fra i cereali pur non essendo una graminacea.

Negli ultimi anni sta riscuotendo molto successo anche sulle nostre tavole per via dei suoi apporti nutrizionali non indifferenti, oltre che per il fatto di non contenere glutine, quinoa_caratteristiche_proprietà_beneficirendendola idonea a chi soffre di celiachia. Inoltre il suo apporto importante di proteine vegetali (14 grammi per 100 grammi di prodotto), fa di questo alimento una validissima alternativa rispetto alle proteine di origine animale, cosa che la rende molto apprezzata a chi segue una dieta vegetariana.

Ma le proprietà ed i benefici della quinoa non finiscono certo qui. Questo alimento è infatti molto ricco di fibre e di due importanti amminoacidi come la lisina e la metionina, quest’ultimo molto importante per la sintesi dell’insulina. Non mancano importanti minerali come potassio, ferro e fosforo, e contiene anche vitamina A ed E. Contiene inoltre acido linoleico, un grasso polinsaturo che la rende anche amica del cuore e delle arterie.

Di questa pianta ne esistono circa 200 varietà, ma le tre specie più utilizzate in cucina sono:

– la quinoa bianca
– la quinoa rossa
– la quinoa nera

Queste tre varietà vengono preferite per il loro minor contenuto di saponina. Questa è una sostanza di sapore decisamente amaro, ricopre i semi della pianta per proteggerla dall’attacco degli uccelli. In ogni caso per rimuoverla è sufficiente sciacquare bene i semi prima della cottura, che come procedimento è simile a quella del riso e richiede circa 20 minuti in acqua bollente (l’acqua utilizzata deve avere un volume doppio rispetto a quello della quinoa). Una volta pronta si accompagna ad una grandissima varietà di condimenti come verdure e legumi, ed è sempre più presente nei ricettari di cucina vegetariana, vegana e crudista.

 >> qui trovi le migliori ricette per gustosi piatti a base di quinoa <<

Un’ultima cosa… Sapevate che la quinoa è utilizzabile anche per gustosissime ricette dolci? Ve ne proponiamo una, con cui potete preparare dei gustisissimi biscotti alla quinoa. Vi servirà appunto della farina di quinoa, farina di mais e latte di riso per amalgamare il tutto. Poi con la cannella, le scorze d’arancia ed il cacao (qui trovi quello biologico e solidale), andrete a smorzare il tipico sapore amarognolo della quinoa, e con dello zucchero di canna grezzo darete il definitivo tocco dolce ai biscotti.

Per conoscere tutti i dosaggi ed i passaggi della preparazione vi rimandiamo alla ricetta completa che potete leggere qui.

Buon appetito!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi