Inquinamento domestico? 10 piante per abbatterlo

Inquinamento domestico? Ebbene si, l’aria delle nostre case è inquinata esattamente come l’aria che respiriamo in strada, certo non dalle stesse sostanze nocive, e nemmeno nella stessa quantità, ma comunque in maniera che potrebbe nuocere alla salute. Se pensate che solo le polveri sottili ed il monossido di carbonio possono causare danni e malattie al nostro corpo, forse non avete mai sentito parlare di formaldeide, toluene e xilene, solo per citarne alcune.
La più letale di queste sostanze, e purtroppo anche la più diffusa è la formaldeide, che l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (AIRC), ha già inserito nel 2004 come sostanza certamente cancerogena, sia per ingestione che per inalazione. Altra notizia che deve preoccuparci è che questa sostanza è presente praticamente ovunque nelle nostre case. La troviamo principalmente in vernici, solventi e collanti, e quindi in tutti i mobili presenti nelle nostre case e negli uffici, e nel corso degli anni viene rilasciata, diffondendosi nell’ambiente. Ma non è certo tutto, questa sostanza letale è presente anche nei prodotti per la casa come saponi, detersivi (sia per stoviglie che per abbigliamento) e nei cosmetici come smalti per le unghie, lozioni per capelli, mascara ed anche deodoranti). E come se non bastasse è impiegata anche dall’industria alimentare come conservante. Nelle etichette è indicata come E239 oppure E240, quindi attenzione a verificare sempre le etichette.
La buona notizia è che comunque questa sostanza è presente in concentrazioni molto basse, anche se nessuno può sapere quanto siano basse o alte nella propria casa. In ogni caso è la principale indiziata per l’inquinamento domestico.
Per quanto riguarda il toluene, anch’essa molto tossica, è presente soprattutto in prodotti industriali, ma nelle nostre case entra sottoforma di smalto per le unghie. E’ molto dannoso per i reni e il sistema nervoso centrale. Lo xilene (o xylene) invece è presente in adesivi, monitor dei computer, vernici e lacche per capelli.

Quali accorgimenti usare per abbassare le concentrazioni di questi inquinanti?
Sicuramente il buon senso ci suggerisce di cambiare regolarmente aria in casa, lasciando aperti balconi e finestre. Basta arieggiare per 7-10 minuti al giorno, anche in inverno. Se si abita in zone centrali di città con inquinamento atmosferico elevato, allora il consiglio è di farlo al mattino presto o la sera prima di dormire. Altro espediente molto consigliato è tenere nelle varie stanze di casa una pianta tra quelle che depurano assorbendo agenti tossici come quelli citati.

Ecco 10 tra le più efficaci e comuni per combattere l’inquinamento domestico:

1) Spatifillo
Pianta dai bei fiori bianchi e dalle notevoli esigenze idriche. Necessità di abbondanti e frequenti innaffiamenti. Queste attenzioni ci vengono poi ricambiate in altrettanto abbondanti purificazioni dell’aria della stanza visto che questa pianta riesce ad assorbire ogni ora 19 microgrammi di acetone, 5 di ammoniaca o 3 di formaldeide.

2) Sansevieria trifasciata
Anche conosciuta come lingua di suocera, è una delle piante che meglio depurano l’aria di casa, e a differenza della precedente, non richiede cure particolari, e necessità di pochissima acqua. E’ in grado di assorbire e neutralizzare la formaldeide, ed inoltre a differenza delle altre piante, è in grado di produrre una piccola quantità di ossigeno anche durante le ore di buio.

3) Dracaena marginata
Altra pianta molto bella da tenere in casa per via del suo tronchetto decorativo. Esiste nelle varianti a due o tre colori. Molto elevate le capacità di purificazione dell’aria dato che riesce ad assorbire fino a 10 microgrammi di toluene ogni ora, ed 8 di formaldeide.

4) Aglaonema

aglaonema


Adatta anche a chi non ha proprio il pollice verde, dato che riesce a prosperare anche dove c’è carenza di luce, e vive bene con pochissima acqua. Elevate le capacità di assorbimento di formaldeide, fino a 7 microgrammi per ogni ora, risulta pertanto una delle più efficaci contro l’inquinamento domestico.

5) Anturio
Bella pianta con rigogliose foglie verdi, e bei fiori rossi. Una delle migliori alleate in casa contro l’ammoniaca, che riesce ad assorbire fino a 10 microgrammi ogni ora, e contro il toluene, che assorbe fino a 8 microgrammi ogni ora.

6) Photos
Pianta dalle lucenti foglie verdi, a volte con striature bianche. Cresce ottimamente in qualsiasi condizione, sia di scarsa acqua (nei mesi caldi può essere innaffiata anche una volta ogni 15 giorni), sia in situazioni di acqua abbondante, ed anche se immersa direttamente nell’acqua. Bellissimo l’effetto cascante che produce se messa in alto sui mobili. E’ un’ottima mangiatrice di formaldeide e non necessita nemmeno di troppa luce.

7) Ficus benjamina
Una delle piante di appartamento per antonomasia. E’ amante della formaldeide che riesce ad assorbira in grandi quantità, ed anche di benzene. Da segnalare però che questa pianta necessità di alcuni accorgimenti in quanto ama ambienti luminosi e umidi. Pertanto va innaffiata regolarmente, mai lasciata a secco. Teme inoltre le temperature estreme, sia per quanto riguarda il freddo che per quanto riguarda il caldo.

8) Edera variegata
Una pianta semplice e resistente, poco impegnativa da curare, resiste alla carenza di acqua e cresce bene anche in un vaso non proprio grande. Ottimo il rendimento per quanto riguarda l’assorbimento della formaldeide, fino a 12 microgrammi ogni ora. Risulta pertanto un’ottima alleata per abbattere l’inquinamento domestico.

9) Felce di Boston
Pianta che può benissimo vivere in ambienti poco luminosi, mentre non ama rimanere a secco, pertanto è consigliabile mantenere sempre umido il terreno. E’ la campionessa di assorbimento di formaldeide in quanto riesce a neutralizzare fino a 20 microgrammi ogni ora di questa pericolosa sostanza.

10) Falangio
Altra pianta robustissima e di facile cura, dalle lunghe foglie appuntite di colore bianco e verde. Ottima la sua capacità di assorbimento di formaldeide negli ambienti chiusi e bella da vedere per l’effetto cascante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi